Attività

Da circa vent’anni lo Studio Legale Mutti offre assistenza giudiziale e consulenza stragiudiziale nelle varie aree del diritto civile e del diritto penale.

Gli ambiti dell’attività professionale nel settore civile contemplano la materia dell’infortunistica e delle assicurazioni, la proprietà e le successioni, la locazione e il condominio, il diritto di famiglia (separazione, divorzio, minori, patti di convivenza), interdizioni/inabilitazioni e amministrazione di sostegno, il diritto del lavoro e delle assicurazioni sociali, la responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, le procure concorsuali, la disciplina dei contratti, la tutela ed il recupero del credito, esecuzioni mobiliari ed immobiliari.

Nel settore penale lo Studio, oltre ad offrire consulenza stragiudiziale, assiste e difende in giudizio sia imputati sia persone offese dal reato, nell’ambito del processo di merito e nella fase dell’esecuzione penale. L’avv. Mutti e l’avv. Salviati sono iscritti nelle liste dei difensori d‘ufficio e assistono e difendono altresì le persone ammesse al Patrocinio a Spese dello Stato.

L’attività professionale dell’avvocato Mutti si è concentrata in particolare nel settore del diritto del lavoro, ambito nel quale, anche in forza di una collaborazione quasi ventennale con la Camera del Lavoro - CGIL di Biella, ha patrocinato numerose cause innanzi alla magistratura del lavoro e offre quotidianamente la propria consulenza in materia di contratti di lavoro, gestione del rapporto di lavoro, licenziamenti e dimissioni, trasferimenti d’azienda, cambi d’appalto, orario di lavoro, inquadramento e livelli, trasferimenti e mutamento di mansioni, rivendicazioni retributive, infortuni sul lavoro e malattie professionali.

News Giuridiche

lug5

05/07/2022

La riforma dell’ordinamento giudiziario

<p><strong>Di seguito l'articolo

lug5

05/07/2022

Corte Costituzionale: dal 5 luglio gli avvocati tornano in aula

Il 30 giugno 2022 la Corte Costituzionale

lug5

05/07/2022

Insulti al magistrato in udienza: il diritto di difesa non è facoltà di offendere

Fin dove può spingersi la libertà di discussione